5 idee per riciclare l'olio da cucina usato

L'olio è uno dei prodotti più usati in cucina e allo stesso tempo uno dei più inquinanti, a causa del suo alto contenuto di materia organica.  

L'impatto che l'olio può avere se viene smaltito male nel lavandino può avere conseguenze molto negative per l'ambiente. Ecco perché oggi vogliamo presentarti alcune idee molto interessanti per riciclare l'olio da cucina usato. Prendi nota! Ogni piccolo aiuto conta ;) 

Perché è importante riciclare l'olio? 

Smaltire l'olio nel lavandino può portare a tubi intasati, problemi con gli impianti di riciclaggio e persino a un aumento dei parassiti urbani, poiché può servire da cibo per scarafaggi e altri insetti che si muovono attraverso i tubi. 

Il mancato riciclaggio dell’olio porta con sé anche gravi problemi ambientali. Nel caso in cui questi rifiuti finissero nell'acqua del fiume, potrebbero danneggiare seriamente gli esseri viventi. Affinché tu possa farti un'idea: 1 litro d'olio può inquinare fino a 1000 litri d'acqua ed il carico inquinante è 5.000 superiore rispetto alle acque reflue. 

Come riciclare l’olio da cucina usato per prendersi cura dell’ambiente

Come riciclare l'olio da cucina usato  

Per smaltire l'olio usato in cucina, dovresti portarlo al tuo centro di riciclaggio locale o smaltirlo in un contenitore specifico per questo tipo di rifiuti. Tuttavia, se vuoi evitare di spostarti, ecco altre alternative per riciclare l'olio e contribuire alla cura dell'ambiente. 

Fare il sapone 

Una delle migliori idee per riciclare l'olio vegetale da cucina è fare del sapone. Per prima cosa dovrai filtrarlo per rimuovere qualsiasi particella usando un imbuto. Inoltre, avrai bisogno di altri ingredienti come la soda caustica, l'acqua e gli oli essenziali per dargli un odore piacevole. Qui spieghiamo più in dettaglio come fare il sapone con dell'olio usato

È importante scegliere uno spazio ventilato e proteggersi con guanti e occhiali, perché la soda caustica emette fumi tossici. Una volta finito, dovrai lasciare asciugare il sapone nel suo contenitore per circa 3-4 settimane prima di poterlo usare.  

A proposito, quasi dimenticavamo! Dai un'occhiata al nostro articolo con i migliori profumi al sapone e scopri i profumi più freschi e piacevoli per la tua pelle. 

Conservante del legno 

Usa l'olio da cucina usato per proteggere il legno dei tuoi mobili interni ed esterni. Spargi l'olio sulla superficie con un pennello e copri ogni poro del legno donandogli una lucentezza speciale. Qualora decidessi di usarlo per i mobili da giardino, ti consigliamo di applicare di tanto in tanto un'altra mano di olio perché gli agenti esterni come il vento o il sole danneggiano il legno più rapidamente. 

Oliatura delle cerniere 

Per evitare che una cerniera usurata e arrugginita cigoli o che una serratura si inceppi, si può risolvere il problema aggiungendo qualche goccia di olio da cucina filtrato. Tuttavia, se il problema persiste, ti consigliamo di non usare troppo questo prodotto perché, secondo gli esperti, usarne troppo può portare a un malfunzionamento del pezzo.

Olio da cucina usato per proteggere il legno ed altri consigli per riciclarlo

Fare candele profumate 

Se ti piace decorare la tua casa con le candele e creare un'atmosfera accogliente, questa idea fa per te. È possibile usare l'olio vegetale da cucina per creare delle candele profumate. 

Prendi la cera a base vegetale, da comprare precedentemente in un negozio specializzato, e scaldala insieme all'olio e alle essenze aromatiche che più ti piacciono. Versa la miscela in un contenitore e aggiungi uno stoppino che potrai creare con un cordone di cotone. Lascia raffreddare finché non si solidifica ed otterrai la tua candela fatta in casa. 

Un consiglio: prima di fare la tua candela, ti consigliamo di aggiungere alcuni chiodi di garofano all'olio filtrato per eliminare qualsiasi odore di fritto residuo. 

Scrub esfolianti e creme per la pelle 

Grazie alle sue proprietà benefiche per la pelle, un altro modo alternativo per riciclare l'olio usato è quello di usarlo per fare uno scrub esfoliante. Mischiando i chicchi di caffè macinati con l'olio precedentemente filtrato otterrai un impasto semisolido da applicare sul viso o sul corpo per rimuovere la pelle morta. Dopo di che, lava la zona con acqua e sapone e applica una crema idratante per una finitura perfetta. 

È possibile creare una crema anche mescolando l'olio con la cera d'api e lasciandola sciogliere a bagnomaria.  

Ora che sai cosa fare con l'olio da cucina usato, non aspettare ancora e inizia a dedicare il tuo tempo libero a mettere in pratica queste idee. Approfittane e aiutaci a prenderci cura dell'ambiente! 


divain

NEGOZIO ONLINE DI PROFUMI


Scarica il nostro catalogo di fragranze


Iscrivendoti, accetti l'informativa sulla privacy di DIVAIN